Seleziona una pagina

www.dissapore.com
La loro proposta arriva in un momento ancora delicato: non accennano a placarsi infatti le polemiche sui ciclisti che consegnano a casa nostra pizze, poke, sushi e compagnia bella e che generalmente lavorano in condizioni di perenne precariato con salari che a malapena consentono di ordinarla, una di quelle pizze a domicilio.